Le malattie neurodegenerative rappresentano una categoria di disturbi che incidono significativamente sulla qualità della vita di milioni di persone in tutto il mondo.

Caratterizzate dal progressivo deterioramento del sistema nervoso, queste patologie pongono sfide complesse alla comunità scientifica e medica, ma anche alle aziende farmaceutiche che lavorano incessantemente per lo sviluppo di nuove terapie efficaci.

Per la maggior parte di queste condizioni non esiste ancora una cura definitiva, tuttavia sono disponibili trattamenti capaci di alleviare i sintomi associati a ciascuna di esse: facciamo insieme il punto della situazione.

Che cosa sono le malattie neurodegenerative?

Le malattie neurodegenerative sono patologie del sistema nervoso centrale che comportano la perdita progressiva di neuroni in precise aree del cervello. Tra queste troviamo condizioni come l’Alzheimer, il Morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, varie tipologie di demenza e altre malattie neurologiche meno conosciute ma altrettanto devastanti.

Il deterioramento del sistema nervoso associato a queste malattie porta a un declino delle funzioni cognitive e motorie, influenzando profondamente la vita quotidiana di chi ne è affetto.

Caratteristiche principali

Le malattie neurodegenerative condividono alcune caratteristiche fondamentali, tra cui la progressione graduale dei sintomi e l’impatto significativo sull’autonomia e sulla qualità della vita dei pazienti. Nonostante le diverse cause e manifestazioni, il denominatore comune è il deterioramento delle capacità neurali, che porta a difficoltà motorie, problemi di memoria, alterazioni dell’umore e altre complicanze.

Ma perché è così difficile trattarle? La trasmissione dei messaggi all’interno dell’intricata rete di neuroni avviene nelle sinapsi, ovvero nei punti di contatto tra due cellule nervose. Qui gli impulsi elettrici si trasformano in segnali neurochimici attraverso il rilascio di molecole specifiche chiamate neurotrasmettitori. Di conseguenza, se le sinapsi subiscono danni, le funzionalità di quell’area del cervello vengono compromesse.

Bisogna aggiungere anche che le cellule nervose non hanno la capacità di replicarsi e quindi non possono essere rimpiazzate. È proprio questa la ragione che rende irreversibili i danni neuronali. Oltre a ciò, poiché ogni neurone svolge funzioni distinte, il danno a una specifica cellula nervosa porta a manifestazioni patologiche che variano in base alla zona interessata.

Cure e trattamenti

Come rallentare la progressione dei sintomi? Al momento non esiste una cura definitiva per la maggior parte di queste malattie neurologiche, ma sono disponibili trattamenti che possono aiutare a gestirle. La ricerca è in continua evoluzione, con nuove terapie sperimentali in fase di sviluppo. Importante è anche l’approccio integrato che include terapie farmacologiche, fisioterapiche e interventi sullo stile di vita.

Integratori per il sistema nervoso centrale

Un aspetto fondamentale nella gestione delle malattie neurodegenerative riguarda il supporto alla funzionalità cerebrale tramite l’uso di integratori per il sistema nervoso centrale.

Cogiton rappresenta un esempio di come la supplementazione possa offrire benefici in termini di supporto cognitivo: gli studi clinici effettuati hanno dimostrato la sua efficacia in combinazione ai farmaci per il trattamento dell’Alzheimer, quali il Donepezil. Grazie alla presenza di ingredienti mirati come le vitamine B2, E, C e il selenio (Se), Cogiton protegge le cellule nervose dagli effetti dello stress ossidativo e contribuisce alla riduzione dei sintomi correlati.

Un altro fattore di rischio significativo per lo sviluppo di malattie neurodegenerative è rappresentato dall’omocisteina alta. Mantenere livelli ottimali di omocisteina attraverso la dieta, lo stile di vita sano e, quando necessario, la supplementazione può contribuire a prevenire o rallentare la progressione di queste patologie.

In conclusione, le malattie del sistema nervoso pongono sfide significative, ma la ricerca e lo sviluppo continuo nel campo farmaceutico e degli integratori offrono ottime prospettive nel miglioramento la qualità della vita dei pazienti. Per saperne di più su come supportare la salute del sistema nervoso centrale, visita il catalogo di Corcon International.